10 milioni di console vendute in tutto il mondo: il perché del suo successo nella recensione Nintendo Switch di un bambino di 9 anni, il mio Gualty!

recensione Nintendo Switch

Fino a oggi, vi ho sempre suggerito i regali ideali per il vostro Lui. Oggi, è direttamente Lui ha dirvi qual è il suo regalo preferito. Stiamo parlando della 1ª recensione Nintendo Switch realizzata dal mio piccolo reporter Gualtiero: un novenne molto tecky.

recensione Nintendo Switch

recensione Nintendo Switch, scusate le spalle sto lavorando!

La recensione Nintendo Switch di Gualty

Non ho letto le istruzioni

Ho atteso molto queste settimane. È dal 30 Gennaio che aspetto questo momento. Mio papà doveva portarmi al Nintendo Switch Showcase di Milano, ma era sempre impegnato. Per fortuna c’ha pensato la mia amica Francesca che ha ascoltato il mio messaggio. Appena è arrivato il pacco, l’ho aperto. Era a mio nome, per una volta. Ho collegato subito la Nintendo Switch al tv e mio papà l’ha connessa alla rete. Non ho avuto bisogno di leggere le istruzioni, io. È stato molto semplice. Ho iniziato a giocarci subito.

È comoda

Per prima cosa, devo dire che la Nintendo Switch è comoda. È la sua prima qualità. Si può appoggiarla anche a terra e giocare con i 2 Joy-Con separati. Si può portarla in macchina collegando i 2 Joy-Con alla console oppure appoggiarla semplicemente al bracciolo centrale del sedile posteriore. I Joy-con sono due Joystick come quando era piccolo mio papà, e anche loro sono piccoli. Poi, se hai una sola bella tv e tua sorella ti rompe per vedere i cartoni, te la porti in camera –la Switch intendo– e ci giochi. Così papà non ci sgrida. Però, anche se mia sorella non è a casa, io gioco comunque solo con la console, senza il TV.

Posso giocarci con i miei amici dove vogliamo

Il design del supporto che collega la Switch al TV non mi fa impazzire (posso dirlo papà?). La forma della console invece è giusta per le mie mani. Trovo che sia migliore della Wii U e la preferisco alla New Nintendo 3DS  perché lo schermo è più grande; anche se preferisco lo schermo in 3D. Mi piace giocarci perché è facile da impostare: non ho bisogno dell’aiuto di un adulto che mi può rubare la partita; come fa lo zio! E poi, senza aspettare che papà o mamma comprino un Joystick in più, con la Switch posso giocare subito con i miei amici. Se loro non possono venire a giocare a casa mia, vado io a casa loro e porto la Switch con me, con il caricabatterie però. Anche loro la pensano come me. Tutti i miei amici hanno chiesto una Nintendo Switch con i Joy-Con rosso e azzurro a Babbo Natale. È la versione speciale di Mario Bros. Incrociamo le dita. Magari loro riusciranno a portarla a scuola. La prossima volta vi racconterò il gioco Super Mario Odyssey!

Written by Matteo Dall'Ava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *